“La Russia intera è una bolshaya kolonia, un’enorme colonia penale, che al suo interno contiene altre prigioni. Le carceri russe sono un Paese nel Paese, luoghi con leggi e regole a parte”. Lo dice al telefono, da Berlino, Vladimir Pereverzin, autore di Ostaggio. Storia di un manager della Yukos, il libro di memorie in cui […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Migranti bloccati. Di Maio: “Salvini decideva tutto da solo”

prev
Articolo Successivo

“Il nome di Dio non può giustificare il terrorismo”

next