“È morto per venirci a trovare”. Teresina Caffi, missionaria saveriana, dal 1984 trascorre sei mesi dell’anno a Bukavu, nell’estremo est della repubblica democratica del Congo, la zona dove è stato ucciso in un agguato l’ambasciatore italiano Luca Attanasio. “Lo amavamo per il suo essere vicino a noi suoi connazionali. Ci aveva reso visita a Bukavu […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Goma, genocidio e gorilla: l’eterno “cuore di tenebra”

prev
Articolo Successivo

Dalla Folgore all’Arma e l’attesa di un congedo per il suo matrimonio

next