Doveva sposarsi l’estate prossima, dopo aver rinviato il matrimonio lo scorso anno a causa della pandemia, il carabiniere Vittorio Iacovacci, rapito e ucciso nell’attacco al convoglio del World Food Programme su cui viaggiava l’ambasciatore italiano in Congo, morto anche lui nell’agguato. Originario di Sonnino, in provincia di Latina, 31 anni, Iacovacci era in forze al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La missionaria Caffi: “Lo amavamo, è morto per venire a trovarci”

prev
Articolo Successivo

“Così Palamara spifferava notizie sulle indagini in corso”

next