L’abbraccio mortale che i Riva hanno offerto a Taranto va punito con quasi 400 anni di carcere. Richieste di condanna alte, altissime quelle avanzate ieri dalla Procura ionica nei confronti dei principali imputati nel maxiprocesso “Ambiente svenduto” sul disastro ambientale e sanitario generato, secondo l’accusa, dalle emissioni nocive dell’ex Ilva. Le pene maggiori sono state […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La sindaca vede il pm: nuove carte sui buchi dei bilanci horror dell’Ama

prev
Articolo Successivo

“Il Parlamento sapeva, ma chi doveva agire non è mai intervenuto”

next