Ironico ma cortese, convinto che “se la musica c’è, è già nelle parole”, e con qualche rimpianto per non essere riuscito a essere un cantante d’opera e un pittore. C’è tutto Eugenio Montale (1896-1981) nelle due lettere inedite del 1977 che la rivista Autografo, fondata da Maria Corti e sotto la direzione scientifica dell’Università di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Noi nascosti in bagno per i nazisti. Togliatti e la Iotti qui in salotto”

prev
Articolo Successivo

2020, anno orribile (anche) per l’auto: l’Europa segna -24,3%

next