Economia verde e transizione digitale: queste sono le due priorità di Bruxelles per il Recovery Fund. A esse si devono adeguare i piani nazionali, distribuendo il 37% dei fondi al green e il 20% al digitale. Ma bisogna tenere d’occhio anche la “Strategia di crescita sostenibile” e i progetti bandiera della Commissione, oltre alle raccomandazioni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

L’esecutivo ha un vantaggio: non esiste una vera alternativa

prev
Articolo Successivo

Fondi, NgEu può invertire il saldo per l’Italia (-36 mld)

next