La crisi c’è ma non si vede. Almeno, non ufficialmente. Non è ancora tempo di consultazioni, lampo o meno che siano. Oppure di nomi alternativi a Conte, visto che il bersaglio grosso di questo surreale mercoledì tredici sembra proprio lui, il premier più popolare di sempre. Ergo per approdare alla fatale immagine di ieri sera […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Conte vuole giocarsela. Verso la conta in aula

prev
Articolo Successivo

E matteo distrugge l’auditel di rai3

next