Al tramonto del suo giorno più lungo, Giuseppe Conte si chiude a Palazzo Chigi e medita di fare quanto progetta dall’inizio della crisi. Andare in aula e cercare i voti per resistere e liberarsi di Matteo Renzi e di Iv, sostituendoli con quei Responsabili di cui molti negano l’esistenza, ma che invece dovrebbero esserci e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La vignetta di Natangelo

prev
Articolo Successivo

Colle al buio: “Il premier ci dica cosa vuole fare”

next