Senza documenti, a porte chiuse e microfoni spenti: il “dibattito pubblico” sulla nuova diga foranea del porto di Genova, il primo da quando il Codice degli appalti introdusse l’obbligo per le grandi opere, pare più un monologo, con ben poco di pubblico. La stazione appaltante (l’Autorità portuale col sindaco Marco Bucci, commissario per il piano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La vignetta di Franzaroli

prev
Articolo Successivo

Autostrade emette un altro bond da 1 miliardo

next