Con la “variante inglese” del SarsCov2, la N501Y, “stiamo facendo lo stesso errore di gennaio, quando cercavamo il virus tra i cinesi che arrivavano da Wuhan, ma il virus era già qui – spiega Mauro Giacca, ex direttore della sezione italiana del Centro internazionale di Ingegneria genetica e biotecnologia di Trieste e ordinario al King’s […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’epopea esodati, nona salvaguardia. E non è affatto detto che sarà l’ultima

prev
Articolo Successivo

Locatelli: “Ma il ceppo di Londra cambia poco. In 9 mesi 42 milioni di vaccinati”

next