Nel settore militare (e non solo) lo si è sempre fatto, ma non c’era di mezzo una controversia diplomatica. Fatto sta che mentre naufragava del tutto la collaborazione fra la Procura di Roma e quella del Cairo sulla morte di Giulio Regeni – il ricercatore italiano rapito e ucciso a gennaio 2016 nella capitale egiziana […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Bombe Usa in Italia: “Cittadini a rischio”

prev
Articolo Successivo

“Memento mori” al Moulin Rouge in compagnia della sciantosa Yvonne

next