L’arma più potente per contenere la pandemia è la conoscenza: sulle caratteristiche del virus, sull’efficacia delle misure, sulle fragilità delle nostre società. Conoscere significa avere molti dati, di buona qualità: e saperli analizzare velocemente. Gli ostacoli non sono tecnologici: esiste ormai una capacità quasi illimitata di trattamento di dati in formato digitale. Il problema è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“La curva è congelata”. Ma ieri altri 822 morti

prev
Articolo Successivo

Gennaio 2020, “la peste è alle porte”: il documento

next