Tokio Anove anni dall’incidente nucleare di Fukushima, rimangono 1.2 milioni di tonnellate di acqua contaminata di cui disfarsi. Il governo giapponese ipotizza di sversarle in mare, ma posticipa la soluzione definitiva. Una spiegazione la fornisce Jon Mitchell, giornalista investigativo britannico di base in Giappone. È uscito il suo ultimo libro Poisoning the Pacific sull’avvelenamento dell’oceano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Arriva il Ristori 3. Ma a ottobre è riesplosa la Cig

prev
Articolo Successivo

BoJo difende Patel, ministra “bulla”ma utile al sovranismo

next