L’intervista - Jon Mitchell

Fukushima, caso irrisolto. “Nucleare, le bugie di Tokyo”

Di Fabiola Palmeri
21 Novembre 2020

Tokio Anove anni dall’incidente nucleare di Fukushima, rimangono 1.2 milioni di tonnellate di acqua contaminata di cui disfarsi. Il governo giapponese ipotizza di sversarle in mare, ma posticipa la soluzione definitiva. Una spiegazione la fornisce Jon Mitchell, giornalista investigativo britannico di base in Giappone. È uscito il suo ultimo libro Poisoning the Pacific sull’avvelenamento dell’oceano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione