Londra Antefatto: il 29 febbraio Sir Philip Rutman, direttore generale del ministero degli Interni britannico, viola ogni regola di riservatezza della Pubblica amministrazione annunciando le proprie dimissioni a mezzo stampa e le motiva dicendo di essere “oggetto di una crudele campagna orchestrata contro di me”. Orchestrata dalla ministra in carica, Priti Patel, quella che, lo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Fukushima, caso irrisolto. “Nucleare, le bugie di Tokyo”

prev
Articolo Successivo

Giuliani e il voto “truccato”: tutta colpa di Hugo Chávez

next