Contratti di luce e gas poco trasparenti nel mercato libero con costi nascosti anche nei messaggi pubblicitari che fanno lievitare il conto delle bollette. Questa l’accusa con cui l’Antitrust ha avviato tredici procedimenti istruttori nei confronti delle più importanti società del settore, tra cui le due quotate in borsa Enel Energia ed E.On. Migliaia le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

E l’Eni fa causa alla Nigeria: “Rivogliamo i nostri pozzi”

prev
Articolo Successivo

Jihad anonima sequestri. Ostaggi fantasmi del Sahara

next