La Banca Europea per gli Investimenti ha deliberato un prestito di due miliardi per la linea ferroviaria Av/Ac (Alta velocità/Alta capacità) Napoli-Bari, con interessi bassissimi e durata di 30 anni. Il prestito è “girato” dallo Stato alla Ferrovie, in sostanza nuovo debito pubblico, e la BEI non rischia nulla, qualunque sia la redditività dell’investimento. Il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

L’agonia di Big Oil mette a rischio gli equilibri mondiali

prev
Articolo Successivo

Caffè amaro. Zanetti ritira Segafredo dalla Borsa. Gli altri soci perdono oltre metà di quanto investito

next