Ci sono artisti, anche più giovani ma solo per l’anagrafe, che vanno in pensione. Altri hanno esaurito la vena creativa e sono bloccati dalla sindrome del pentagramma bianco o dalla depressione post-lockdown. E poi c’è Renato Zero, che a 70 anni approfitta della quarantena per comporre una sessantina di nuovi brani da sfornare in tre […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Ma quale Re, io sono il più pop

prev
Articolo Successivo

“Una storia al contrario”, ovvero come diventare precari da adulti

next