Poco più di vent’anni fa Mervyn King, governatore della Banca d’Inghilterra, introdusse un parametro fondamentale per valutare il successo del banchiere centrale: “Una Banca Centrale di successo dovrebbe essere noiosa – un po’ come un arbitro il cui successo viene giudicato da come poco le sue decisioni si intromettono nel gioco stesso”. Il mestiere del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

To’, ci sono paesi in cui il mondo dello sport produce un pensiero

prev
Articolo Successivo

La lezione Usa: indipendenza non vuol dire irresponsabilità

next