Èmorto il re, anzi, lunga vita al re. E il re dello sport italiano è senza dubbio Giovanni Malagò. Il ministro Spadafora voleva detronizzarlo, abbassando il limite di mandati al Coni per renderlo incandidabile, ma dopo le riunioni di maggioranza il tetto, che nella bozza della riforma era fissato a due, è tornato a tre, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Istat: da febbraio l’Italia ha perso 600 mila occupati

prev
Articolo Successivo

Il dem Ricci dedica a Craxi i giardini di Pesaro

next