A quasi 16 anni di distanza, la maxi cartolarizzazione di fine 2004 di immobili pubblici per 3 miliardi realizzata dal governo Berlusconi si rivela per ciò che è: un grande affare. Non per lo Stato, però: per molti grandi investitori privati che hanno comprato edifici di pregio dal Fondo immobili pubblici (Fip) a sconto e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Il Comune di Capaci va sciolto. Ma nessuno vuole procedere”

prev
Articolo Successivo

Il segreto del dittatore. Stroessner: eredità contesa

next