Un dittatore sanguinario in esilio da riesumare, la sua eredità miliardaria, una love story durata vent’anni e due presidenti poco democratici e molto amici. Sarebbe la trama di un riuscitissimo romanzo sudamericano, se non fosse la pura cronaca dei fatti. Il dittatore, morto nel 2006, che per trent’anni (dal 1954 al 1989) ha torturato e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Lo Stato vende, ma l’affare è dei privati. I Benetton fanno il colpo immobiliare

prev
Articolo Successivo

Omicidio Dafne, la polizia: “Si è pugnalato” il testimone n° 1

next