La sua famiglia (allargata) appare come una fiction dedicata alla meglio gioventù del cinema italiano. E così quando Nicoletta Ercole parla, è quasi possibile chiudere gli occhi e immaginare Alberto Sordi mentre cammina con gli zoccoli sul lungomare di Castiglioncello, o Piero Piccioni che si siede a tavola dopo la scarcerazione (“sono stata il suo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Dopo S. Sofia, il Sultano vuole anche Gerusalemme

prev
Articolo Successivo

Matano e la Cuccarini come Yoko Ono e Paul McCartney

next