Ultimatum a oltranza, almeno fino a domenica. Andrà avanti così finché Autostrade per l’Italia (Aspi) non consegnerà l’offerta per chiudere la ferita del ponte Morandi. Dovrà essere così conveniente “che il governo non potrà dire di no, altrimenti scatterà la revoca”, avvisa Giuseppe Conte in visita al Mose di Venezia. La cadenza quotidiana delle minacce […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Testatina

prev
Articolo Successivo

Si alza il Mose (e pure i dubbi) “Ora speriamo che funzioni…”

next