Non c’è nulla di più costante nella vita pubblica italiana dell’inchino agli interessi privati di Pietro Salini. Matteo Renzi ce lo ha insegnato. Come gli abitanti di Königsberg regolavano gli orologi in base alla camminata giornaliera di Kant, così i nostri politici regolano le stagioni delle “sburocratizzazioni” sui desiderata dei grandi costruttori. Venerdì è toccato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Capacity market, l’aiutino pubblico fa felici i soliti noti

prev
Articolo Successivo

A2A si ferma al Tar: lo stop in Brianza porta molti guai

next