“Di sceneggiatore, molto; di pubblicitario, molto meno. Quello della pubblicità è stato il mio primo lavoro, avevo 19 o 20 anni e sì, ho iniziato da editor e sono diventato direttore creativo; ho imparato molto e mi guadagnavo molto bene la vita… Molti scrittori – come Don Delillo – hanno lavorato nel mondo della pubblicità […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Zanardi investito da un Tir: trauma cranico. Operato d’urgenza, condizioni gravissime

prev
Articolo Successivo

Il viaggiatore Sgarbi, al di sopra di ogni Covid

next