Come ormai sanno anche i sassi in questa fase 2 o 3 bisogna tracciare i casi per evitare focolai incontrollati come quelli di febbraio. Per farlo, serve fare i tamponi o una intelligente combinazione tra test sierologici (rapidi) e tamponi di controllo per chi risultasse in contatto col virus. I sassi di cui sopra, però, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

No reagenti? No tamponi: le Regioni alla fase 3

prev
Articolo Successivo

Politica Piccola bottega degli orrori

next