“L’isolamento in una camera dove per sopravvivere è necessario portare una maschera ricorda molto le condizioni di vita dell’uomo contemporaneo”. Chissà se Marco Ferreri avrebbe girato Dillinger è morto, il film più radicale del cinema italiano, senza Michel Piccoli. Nelle sequenze iniziali Piccoli indossa una maschera antigas (altro che Attilio Fontana), ascolta un passo di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Promozioni, penalty e sfide: addio a un signore del calcio

prev
Articolo Successivo

Testatina

next