Giuseppe Conte pronuncia la parola “crisi” sette volte, si concede un passaggio tutt’altro che morbido sulle banche (“Possono e devono fare di più”), ma alla fine, tra le righe dei suoi discorsi di ieri in Parlamento, si fanno notare soprattutto gli zuccherini per Matteo Renzi. Il segnale, se non di una pace, almeno di un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Testatina

prev
Articolo Successivo

Le accuse a Fontana scatenano la Lega. E pure Speranza e Pd

next