C’è il rapimento. E poi ci sono le minacce, quelle che corrono sul web e per strada da quando la volontaria milanese Silvia Romano è tornata a casa. Tra chi le ha augurato la morte e chi l’ha offesa, i leoni da tastiera anche stavolta si sono scatenati, soprattutto sul tema della conversione, che Silvia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Francia, insegnanti a scuola con la paura del Covid

prev
Articolo Successivo

L’urlo della famiglia: “Vogliamo stare in pace”

next