La recente polemica su Stalin e Trotsky fra Marco Rizzo, a capo del Partito comunista italiano di matrice marxista-leninista, e Marco Ferrando, leader del Partito comunista dei lavoratori d’ispirazione trotzkista, coincide con l’anniversario degli ottant’anni dall’assassinio del grande oppositore del dittatore georgiano. Il 21 agosto del 1940, infatti, Lev Trotsky moriva a Coyoacán, un quartiere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Scoprì le fosse di Stalin: ora marcisce in carcere

prev
Articolo Successivo

Ora salvare le biblioteche: terapia intensiva dello spirito

next