Nei gelidi boschi della Karelia, al confine con la Finlandia: le memorie più oscure della Russia sono state nascoste dove il mondo appare più candido. Dove bianca è la neve, bianchi i tronchi di betulla, bianco il cielo ci sono migliaia di fantasmi: quelli delle vittime dimenticate del regime sovietico. Sotto la terra innevata dell’nord-ovest […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Una svolta verde: La Bce cancelli i debiti degli Stati”

prev
Articolo Successivo

Omicidio Trotsky: ombre italiane e la mano di Stalin

next