Se chiedi a Marco Revelli, sociologo, figlio del partigiano Nuto, un commento su questa Liberazione anomala, subito dice: “Un parallelo formale, non sostanziale, con il 25 Aprile di 75 anni fa c’è: siamo di nuovo sotto coprifuoco. Perché anche in quell’aprile 1945 non si poteva uscire di casa, bisognava tenere le luci spente. Quello era […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

5Stelle, crisi sfiorata sul Mes. E Di Maio critica Rousseau

prev
Articolo Successivo

Caro Marco

next