George Pell è libero e ha trascorso la sua prima notte in un monastero di Melbourne. L’Alta Corte australiana ha ordinato il rilascio del cardinale in carcere da 400 giorni – su sei anni che doveva scontare – dopo che una giuria nel 2019 aveva confermato la sua colpevolezza per atti di pedofilia su due […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Russi go home ovvero come si “bucano” le notizie

prev
Articolo Successivo

L’australiano meglio in convento che a Roma

next