Gherardo torna sul luogo del delitto. È il Pio Albergo Trivulzio, per i milanesi la Baggina, dove un certo Mario Chiesa, presidente socialista della casa per anziani più cara ai meneghini, fu beccato con la tangente nel cassetto (7 milioni di lire appena riscossi). Era il febbraio 1992, e da lì partì l’inchiesta Mani pulite […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

I rischi del “decreto Credito”: zero controlli, molti furbetti

prev
Articolo Successivo

Covid: sono stato infettato, ma l’ho scoperto da solo

next