L’archetipo è fissato per sempre: quando un’epidemia si sparge, e il virus (o il batterio) balla sui cadaveri cercando carne fresca da colonizzare, l’Autore, per massima saggezza e ugual sadismo, tira fuori dalla penna un personaggio beghino, ottuso e intellettualmente poco onesto che chiede ai vertici ecclesiali e politici di fiondare quanta più gente possibile […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Coronacomix: nuovi e vecchi umoristi diventano… virali

prev
Articolo Successivo

Ricette, Monopoli e orsi: “Nei taralli rivedo la nonna”

next