Alla fine di febbraio, l’Associazione delle case di riposo del Bergamasco (Acrb) chiese all’azienda sanitaria di Bergamo, l’Ats, di chiudere le residenze sanitarie assistenziali di città e provincia. Alcune – come la Casa Ospitale Aresi, a Brignano Gera D’Adda – avevano già chiuso il centro diurno: le aveva guidate la prudenza, la paura di fronte […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Lo Spallanzani e noi

prev
Articolo Successivo

“C’è chi ha usato quest’emergenza per farsi notare”

next