“Indifferente, impaziente, esigente, sarcastico, rompiscatole, simpatico, allegro”: è come Marco Risi descrive suo padre in Forte respiro rapido – La mia vita con Dino Risi. E il libro rispecchia alla perfezione gli otto aggettivi. Si ride. Si riflette. Ci si commuove. Si ricorda. Si scopre qualcosa. Ci si stupisce. E di nuovo si ride, o […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Freud”, pillole di psicoanalisi in un (inutile) bagno di sangue

prev
Articolo Successivo

Diavolo d’un Bosch: usa pure l’ossimetro, che misura l’ossigeno nel sangue

next