Caro Tullio Solenghi, Zorro gay (o meglio “Zovvo”), RAI2, fu orgoglio. Io scrivevo, tu zovveggiavi e non si stava seri un nanosecondo. Un mio libro recitato da te è nel mio Palmares. Prima che te lo dicano altri te lo dico io che ti voglio bene: ne hai dette di stronzate. Rabbia per la spilorceria, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Gallera per tutti. Tutti per Gallera (pazienza gli altri)

prev
Articolo Successivo

Tracciamento digitale: sospendere la privacy?

next