Approfittando dell’esodo di massa verso l’aldilà nella speranza di passare inosservato evitando funerali e commemorazioni varie, se ne è andato Alberto Arbasino. Il Coronavirus con il divieto di assembramenti gli ha pure risparmiato i festeggiamenti vogheresi per i novanta anni che si dovevano tenere in questo periodo. Sembra incredibile che fosse ancora vivo un autore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Ciao Alberto, il vagabondo che arrivava prima di noi

prev
Articolo Successivo

Mia, le accuse e il pubblico: crimini e misfatti di Woody

next