Letto in filigrana dall’intelligence statunitense, il piano russo appare chiaro: aiutare Bernie Sanders a ottenere la nomination democratica, così da non doversi neppure dare troppo da fare per blindare la conferma di Donald Trump alla Casa Bianca. Di fronte alle illazioni americane, il Cremlino se la ride sornione: “Sappiamo che, avvicinandosi le elezioni presidenziali negli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Le tribù contro il gasdotto del “generale” Trudeau

prev
Articolo Successivo

“Mi chiamavano ‘italiano di merda’: ora MasterChef è diventato una rivincita”

next