La piazza contro i vitalizi è un ritorno al passato che molti Cinque Stelle vorrebbero futuro. Tante bandiere, diverse persone (a spanne 5mila, ma il Movimento sostiene che fossero il doppio), gli storici cori come “onestà, onestà” a riempire l’aria e molti insulti per i giornalisti, il vecchio nemico di cui in tempi di crisi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

La Cattiveria 1602

prev
Articolo Successivo

I contiani al bivio: il partito di Di Maio o il “listone” dem

next