Quei 68 minuti gli sono costati maledettamente cari. In quel tubo doveva esserci ossigeno e invece c’era protossido di azoto, un gas anestetizzante molto pericoloso. E così fu con Andrea Vitale, neonato da pochi giorni all’Ospedale di Palermo, che dopo quell’errore da parte dei medici siciliani ha subito danni irreversibili. Oggi, a nove anni, non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Omicidio Agostino 31 anni dopo, la Procura: “Gli esecutori sono i boss Scotto e Madonia”

prev
Articolo Successivo

I pm di Catania chiederanno il processo per Matteo Salvini

next