I lavori sul deviatoio 5 di Livraga erano non ordinari e gli operai nelle ore precedenti avevano già fatto tre interventi sulla stessa tratta. Questo emerge dall’inchiesta sul deragliamento del Frecciarossa avvenuto giovedì alle 5:34 che ha provocato la morte dei due macchinisti. Vi era dunque un’emergenza e la necessità di fare in fretta. I […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Schierato contro Al Sisi e “seguito” fino in Italia

prev
Articolo Successivo

La Privacy stanga Tim: 900 mila euro di multa

next