Tramonta l’ipotesi di un decreto legge per modificare la blocca-prescrizione di Alfonso Bonafede, previsto al Consiglio dei ministri di domani. La via dell’emendamento al Milleproroghe è praticamente certa anche se fino a sera la concitazione regnava assoluta tra le forze della maggioranza e in via Arenula, dove ha sede a Roma il ministero della Giustizia. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Le trattative Stato-mafia furono due e Berlusconi pagò i clan fino al 1994”

prev
Articolo Successivo

Craxi, Kennedy e riforme: il Conte bis è Federico

next