Il Festival di Fiorello non poteva che cominciare con Fiorello. Lui che Sanremo l’ha rifiutato mille volte forse con qualche ragione, più che il badante, più che il mattatore, è l’X-Factor. Quello che dà sapore a un minestrone nazionalpopolare (il Festival lo è in sé) quest’anno più che mai senza identità, perché il vero passo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Weinstein, l’accusatrice diventa “imputata”

prev
Articolo Successivo

“Buddha, cabrón e mille baci”. Parole tante, ma idee poche

next