Quando gli investigatori della Guardia di Finanza entrano nell’ufficio di Gianluca Jacobini, all’epoca condirettore generale della Banca Popolare di Bari, sulla sua scrivania trovano sei block-notes con una lunga serie di appunti scritti a mano. È una delle perquisizioni disposte dalla Procura di Bari che da tempo, con il procuratore aggiunto Roberto Rossi e i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“I vertici Eni hanno fatto spiare i pm che indagavano su di loro”

prev
Articolo Successivo

Altra mega perdita per Deustche Bank

next