Da tempo sui social il silenzio elettorale è diventato niente più che un optional, il cui rispetto è demandato solo al bon ton dei soggetti. Le violazioni di ieri si aggiungono dunque a quelle dei mesi scorsi e la sensazione di impotenza è evidente. Né l’Agcom riesce a porvi rimedio, se non a “babbo morto” […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Paure e ironie, l’attesa dei dem al Nazareno: “Se l’eroe Bonaccini vince, sarà segretario…”

prev
Articolo Successivo

Ferrara, faida leghista (in chat)

next