Erano quasi le 13 del giorno dell’Epifania. Un giovane con una k-way azzurra con il cappuccio in testa e un paio di occhiali scuri si avvicina con passo elastico e ballonzolante a una Fiat 132 appena uscita da un garage di via Libertà, a Palermo. Estrae una Colt Cobra calibro 38 e spara sei colpi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Onestà: piove, Casta ladra. Così parlò l’antipolitica

prev
Articolo Successivo

Economisti si diventa (in una stanza d’albergo)

next