Cosa accomuna Matteo Salvini a Matteo Renzi e Carlo Calenda? Certi problemucci con la giustizia (ma non Calenda)? Il pigro bivaccare nel centrosinistra, facendo però finta di non starci (ma non Salvini)? L’idea di candidarsi, se non c’è niente di meglio da fare, a sindaco di Roma (ma non Renzi)? No: i tre dell’Ave Maria […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Sardine. Che cosa devono diventare da grandi?

prev
Articolo Successivo

“Regeni, 4 depistaggi sull’inchiesta”. Il carteggio con il nuovo pm egiziano

next