Un carteggio che va avanti da qualche mese nella speranza che i rapporti tra la Procura di Roma e quella del Cairo sull’omicidio di Giulio Regeni possano partire da zero. E non continuare con la collaborazione – tale solo negli annunci – del passato, con i tanti depistaggi consegnati all’Italia. L’occasione è stato il cambio, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Salvini, Renzi e Calenda: tre quarantenni annoiati

prev
Articolo Successivo

Rimpatri in aumento: Lamorgese batte Salvini

next